Pagina:Svevo - La coscienza di Zeno, Milano 1930.djvu/306

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

303

Ma un bel giorno essa mi raccontò ch’egli le aveva chiesto di diventare sua moglie e ch’essa aveva rifiutato. Allora io passai due quarti d’ora veramente brutti: il primo quando mi sentii tanto invaso dall’ira che avrei voluto aspettare il maestro per gettarlo fuori a furia di calci, ed il secondo quando non trovai il verso per conciliare la possibilità della continuazione della mia tresca, con quel matrimonio ch’era in fondo una bella e morale cosa e una ben più sicura semplificazione della mia posizione che non la carriera di Carla ch’essa immaginava d’iniziare in mia compagnia.

Perchè quel benedetto maestro s’era scaldato a quel modo e tanto presto? Oramai, in un anno di relazione, tutto s’era attenuato fra me e Carla, anche il cipiglio mio quando l’abbandonavo. I rimorsi miei erano oramai sopportabilissimi e quantunque Carla avesse ancora ragione di dirmi rude in amore, pareva ch’essa ci si fosse abituata. Ciò doveva esserle riuscito anche facile, perchè io non fui mai più tanto brutale come nei primi giorni della nostra relazione e, sopportato quel primo eccesso, il resto dovette esserle sembrato in confronto mitissimo.

Perciò anche quando di Carla non m’importava più tanto, mi fu sempre facile prevedere che il giorno appresso io non sarei stato contento di venir a cercare la mia amante e di non trovarla più. Certo sarebbe stato bellissimo allora di saper ritornare ad Augusta senza il solito intermezzo con Carla ed in quel momento io me ne sentivo capacissimo; ma prima avrei voluto provare. Il mio proposito in quel momento dev’essere stato circa il seguente: «Domani la pregherò di accettare la proposta del maestro, ma oggi gliel’impedirò». E con grande