Pagina:Tarchetti - Paolina, 1875.djvu/8

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
8 a chi legge


A noi, come a molti, questo racconto non pare indegno dei suoi fratelli più lodati. Anche qui è proprio lui, Tarchetti, anche qui vedi la stessa grazia, lo stesso riso a fior di labbro, la stessa esuberanza di idee. E sarà, crediamo, curiosità bella il ricercare (e trovare) in questo libro la sorgente ricca e pura di quell’onda che poi divenne torrente — l’affetto. Alcuni personaggi sono fra i più felici creati dallo stesso padre; uno (la Mineu) non fu forse superato nei volumi posteriori.

Al primo racconto del nostro autore, ci è parso opportuno aggiungere un capitolo postumo dell’ultimo, immaginato sul finire della povera vita, interrotto dalla morte.

L’amico, che lo trovò fra le carte e già lo fece apparire in una strenna, ne accompagnava la pubblicazione con qualche cenno che ci concesse di riprodurre.

Soddisfacendo ad un desiderio di quanti amano gli scritti dell’infelice Tarchetti, a noi sembra anche di pagare un debito verso la sua memoria.


Gli Editori.