Pagina:Tartufari - Il miracolo, Roma, Romagna, 1909.djvu/127

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


e, insieme a Bindo Ranieri, s'inerpicò per la via delle Cave, perchè Vanna aveva desiderato non attraversare Orvieto con essi in vettura, a sera tarda.

La voce sonora di Fritz Langen scendeva dalle Cave, echeggiando sotto le vôlte della porta vetusta:

Edite, bibite, collegiales, Post multa saecula, Pocula nulla.

Vanna sospirò interminabilmente. Perchè tutto fugge? Fugge il dolore, fugge la gioia, fugge la vita? Ella avrebbe voluto che quel pomeriggio fosse durato eterno, e il pomeriggio era invece già morto.

— Oh! mio Dio! Oh! mio Dio! - ella ripetè, lasciando cader le mani sui riccioli di Ermanno, che dormiva.

— Perchè dici così? - domandò Serena, che ella non ricordava più di tenersi accanto distesa sopra i cuscini.

Vanna fu scossa da un piccolo sussulto al suono inaspettato di quella voce infantile, poi rispose:

— Perchè Dio, che è buono, infinitamente buono, avrà misericordia di me.

I cavalli avevano ripreso il trotto e la voce di Fritz Langen si smorzava oramai:

Edite, bibite, collegiales.