Pagina:Tartufari - Il miracolo, Roma, Romagna, 1909.djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


consigliò di essere ubbidiente, di farsi vestire e tornare sopra il balcone a prendere il fresco.

Entrambi accompagnarono il bimbo, mentre egli si allontanava, con occhio di tenerezza.

— Quel bambino è l'emblema dell'innocenza - monsignore disse - ha l'anima tersa più del cristallo e ciò dev'essere per lei di somma consolazione.

Vanna intrecciò le mani con fervore.

— Oh! Sa Iddio quanto Ermanno mi è caro e di quanto conforto! Eppure spesso io tremo. Cosa avverrà di lui? Chi potrà guidarlo fra i pericoli della vita, quando il mio cuore non gli basterà più? Sono ìo stessa inesperta e debole.

— Iddio veglia, Iddio vede e provvede - il sacerdote disse con solennità mitigata da squisito garbo signorile, discendendo egli da nobile e antica famiglia senese.

— Mi basterebbe che Ermanno somigliasse al mio povero Gentile. Non vorrei di più.

— Il buon albero dà buoni frutti, signora, e noi penseremo ad avviare il giovanetto sulle vie del bene.

Vanna sorrise e poi disse crollando il capo:

— Don Vitale ieri si è lamentato. Ermanno non sapeva la sua lezione di latino.

Monsignore sorrise anche lui di un sorriso lievemente irrisorio.

— Non dia eccessivo peso ai lamenti di don Vitale. Ottimo sacerdote, zelante maestro; ma non troppo perspicace. La classe ch'egli tiene in