Pagina:Tebaldo e Isolina.djvu/16

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
14

S’opponga al tradimento,
Si spieghi nel periglio
Con intrepido cor, fermo consiglio.par. collo Sc.

SCENA V.

Esterno del Castello d’Altemburgo che maestoso, e di Gotica Architettura s’offre nel prospetto: magnifici edifizj s’alzano al disopra delle mura.

Uno steccato a torneo nel mezzo a cui le insegne de’ varj Cavalieri si veggono appese. Palco pe’ Giudici del campo; altro per Ermanno, Isolina, Geraldo, e Clemenza: sopra altri palchi Cavalieri spettatori, e Dame: Soldati sulle mura del Castello; Araldi, Maestri del campo, Guardie, Scudieri, Popolo.

Il torneo è terminato: Il Cavaliere vincitore sta nel mezzo a visiera calata, colla spada alzata, e col piede sul petto del vinto avversario: I Cavalieri già vinti in un angolo. I Maestri del campo additano il vincitore: Gli Araldi lo proclamano: I Cavalieri accorsi e il popolo lo acclamano, festeggiando col seguente.

Coro

Di tanti prodi al vincitore
     Si cantin lodi, si renda onore
     L’eroe si celebri di nostra età.
     L’alto splendore di sua vittoria,
     Tanto valore, sì bella gloria
     L’ombra de’ secoli non coprirà.

Ermanno scende, s’accosta al Cavaliere vincitore che fìsso tiene lo sguardo in Isolina: questa mostra la più viva agitazione; Tutti stanno rivolti al vincitore.

Erm. Or tu, sopra ogni lode