Pagina:Teotochi - Opere di Canova.djvu/100

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

78

celeste, che in tutto lui spira, volle Canova mostrarci un celeste, che in tutto lui spira, volle Canova mostrarci un essere, il quale, manifestando l’origine sua, fosse un composto dì umano e di divino, composto singolare e bizzarro, distinto da quasi impercettibile filo, di cui ci favella spesso la Mitologia isvelandoci gli amori degli Dei e delle Dee pei mortali, ma di bellissimo a concepirsi, e più ancora ad esprimere. Medusa ha nel volto un misto di bellezza sovrumana, e di sovrumano orrore, per cui chi la guarda in questa pietra medesima attonito resta, e diviso fra due contrarj affetti così che ben comprende la ingegnosa allegoria di quella favola, che ci narra divenisse di pietra chiunque nella vera e vivente Medusa arrestava lo sguardo. Tutte le parti del suo volto orribilmente bello cominciano ad annunziare la mancanza di quel vigore che prima sostenevate; ed è così vera in quel volto la morte, ed il decadimento delle narici, della bocca semiaperta e delle guancie che fissandola alquanto progressivo lo crederesti: effetto mirabile del sommo talento dello Scultore, il quale non potendo disporre che d’un breve istante presente, riscaldando l’immaginazione, e commovendo il cuore, col presente il passato ci fa vedere, ed il non lontano avvenire.