Pagina:Teotochi - Opere di Canova.djvu/101

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

79


SONETTO


Perseo vincesti: e, più che nel reciso
     Teschio, onde Palla rimbellì lo scudo,
     E, più che nel falcato acciaro ignudo,
     Sculta ti leggo la vittoria in viso.

Ma io, di quel c’hai nella Libia ucciso,
     Conosco un mostro più fatale e crudo.
     Contro cui da gran tempo indarno io sudo,
     E che non so se fu da te conquiso.

So ben, che alla famosa Erculea clava,
     Poscia che i mostri più tremendi estinse,
     Pur quel, ch’io dico, da domar restava.

Invidia è il nome: il buon Canova spinse
     Già molti colpi nella belva prava;
     Ma te, Perseo, scolpendo, alfin la vinse.

 ippolito pindemonte