Pagina:Teotochi - Opere di Canova.djvu/111

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


SOCRATE

NELL’ATTO

DI BER LA CICUTA





basso rilievo in gesso


XXV.

Ma se questa scena commove, ed ammollisce l’animo tuo, osservane una del tutto diversa; Socrate nell’atto di ber la cicuta. Egli già tiene il fatal nappo nella mano sinistra, e rialzando dignitosamente verso il Cielo la destra, pare che rialzar voglia, con quel movimento al limoso, l’abbattuto animo degli amici e dei discepoli che lo circondano. Egli è nel mezzo ad essi, e fra d’essi grandeggia, malgrado la picciola sua statura; e quel movimento generoso del braccio ci palesa tutta l’eroica fermezza ed elevatezza da cui essere doveva in quel momento compresa la grande anima sua: ed è pure con questa semplice mossa che lo Scultore ce lo fa comparire e principale, e maggiore fra i nove personaggi che gli stanno d’intorno, nell’attitudine del più profondo