Pagina:Teotochi - Opere di Canova.djvu/110

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

88

pietosa. Sensibilità santa, io t’adoro ovunque, chè sei dono puro del Cielo! Me fa raccapricciar d’orrore quella troppo lodata ferocia, che fece assister Bruto alla morte de’proprj figli, ed immergere al secondo Bruto il pugnale nel seno del suo benefattore. Non era già forse virtù più che umana nel primo il condannarli, e nel secondo il tacer la congiura?