Pagina:The Oxford book of Italian verse.djvu/73

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

GUIDO CAVALCANTI

     Su li verdi arbuscelli.
     Tutto lo mondo canti,
     Poi che lo tempo vene,
     Sì come si convene,
     Vostr’altezza pregiata,
     Chè siete angelicata — criatura.
Angelica sembianza
     In voi, Donna, riposa;
     Dio, quanto avventurosa
     Fu la mia disianza!
     Vostra cera gioiosa,
     Poi che passa e avanza
     Natura e costumanza,
     Ben è mirabil cosa.
     Fra lor le donne dea
     Vi chiaman come siete!
     Tanto adorna parete
     Ch’io non saccio contare:
     E chi poría pensare — oltr’a natura?
Oltra natura umana
     Vostra fina piacenza
     Fece Dio per essenza,
     Che voi foste sovrana:
     Perchè vostra parvenza
     Ver me non sia lontana,
     Or non mi sia villana
     La dolce provedenza.
     E se vi pare oltraggio
     Ch’ad amarvi sia dato,
     Non sia da voi blasmato:
     Che solo Amor mi sforza,
     Contra cui non val forza — nè misura.


73