Pagina:Tigre Reale.djvu/189

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 184 —

tuoi galloni! Tu farai quello che ti dice di fare la tua zia, come quando eri piccino. Lasciami andare.

Rimasti soli, i due cugini si guardarono di nuovo in viso e volsero altrove gli sguardi tutt’e due nel medesimo istante.

— Quando partirai? domandò alfine Erminia con voce spenta.

— Sabato.

— Verrai ancora prima di partire?

— Sì...

— Verrai tutti i giorni?...

— Sì, tutti i giorni!... non ne restano che due...

Dopo un breve silenzio ella gli stese la mano all’improvviso, mormorando quasi si sentisse morire:

— Addio... forse non potrò dirtelo più come adesso... Addio!

E le lagrime le scorrevano pel viso, zitte zitte, senza che si curasse più di nascondergliele.

Sopravvenne la signora Ruscaglia tutta trionfante: