Pagina:Tigre Reale.djvu/190

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 185 —

— L’avevo detto io! Non poteva andare così! Giorgio dice che è facilissimo ottenere una proroga di sei mesi per motivi di salute... insomma, se ne incarica lui. Tu non partirai!

Erminia, ch’era accanto al cugino, udendo quelle parole, si scostò da lui con insolita vivacità, avvampò in viso, e per tutto il resto del tempo che durò la visita parve molto imbarazzata. Il povero ragazzo invece non dissimulava la sua allegrezza, da vero ragazzo.

— A rivederci, dunque! le disse quando fu per andarsene.

Ella gli strinse le mani senza dir nulla.


La Ferlita avea ricevuto un colpo doloroso alla domanda della suocera; pure s’era impegnato a contentarla per un delicato senso di alterezza. Non osava menomamente sospettare della moglie, non osava accusarla della preoccupazione febbrile che scorgeva in lei da qualche tempo, e che la povera vittima celava con ras-