Pagina:Tigre Reale.djvu/69

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 64 —

— Se me lo domandate per confrontare le due scritture vi risparmio cotesto esame; se c’è un rimprovero nelle vostre parole l’accetto senza cercare di scusarmi.

— Giacchè non mi amate più non voglio esaminar più nulla, non mi lagno di nulla, non vi rimprovero nulla.

Ella rimase cogli occhi fissi sulla fiamma.

— Credevo non vedervi più, ecco perchè vi ho scritto così; disse da lì a poco freddamente e risolutamente.

Giorgio sogghignò.

— Volete che sia vostra amante? diss’ella con un accento brusco, ma calma e risoluta, piantandogli in volto quel suo sguardo selvaggio. E siccome La Ferlita attonito, non trovava una sola parola:

— Volete che mi dia a voi, domani, stasera, freddamente, deliberatamente, senza amarvi punto? Volete?

— Che donna siete mai? gridò egli dopo un istante di quel silenzio stupefatto.