Pagina:Tigre Reale.djvu/72

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 67 —

giva; c’era un abisso fra di noi, e la vertigine mi gettò nelle sue braccia.

Guardò La Ferlita, e lo vide pallido anch’esso.

— Mi amate veramente, Giorgio?

Egli, che stava con la fronte fra le mani, levò il capo e le lanciò uno sguardo che rintuzzò quello di lei.

— Quanto durerà il vostro amore?

Giorgio chinò il capo di nuovo, e non rispose.

— Vi domando se potete dirmi, sulla vostra parola d’onore, che mi amerete sempre così, anche quando sarete stato il mio amante; vorrei sapere che cosa fareste se una donna più bella di me, o che vi piacesse dippiù, che avesse soltanto il vantaggio di non essere io stessa, una duchessa, una cameriera, vi stringesse la mano in un ballo, o entrasse sfrontatamente in camera vostra: cosa fareste, La Ferlita?

Giorgio taceva sempre, come annichilito. Ella seguitò:

— Colui dicevami che lo rendevo felice, che mi avrebbe amato eternamente, che avrebbe vo-