Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo IV, Classici italiani, 1823, IV.djvu/263

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


a4a libro furono in questo secolo fatte sul testo greco. Quindi, poichè alcuni de’ libri tradotti per ordine di Federigo furono tradotti dal greco, egli è anzi probabile che questi fossero appunto que’ d’Aristotele, che è il sol filosofo di cui nella sua lettera ei fa espressa menzione. Quai fossero precisamente questi libri tradotti, Federigo nol dice 5 ma solo accenna ch’essi trattavano de Sermocinalibus et mathematicis disciplinis; colle quali parole io crederei ch’ei voglia indicare e opere dialettiche di Aristotele, e le astrologiche di alcuni filosofi arabi. Non possi am parimenti accertare in qual anno fosse questa lettera scritta da Federigo; poichè tutte le lettere di Pier delle Vigne non hanno data. Io congetturo però, che ciò avvenisse prima dell’anno 1224, perciocchè avendo in quell’anno Federigo eretta l’università di Napoli, e avendo con essa tentato di opprimere quella di Bologna, non sembra probabile che dopo ciò ei volesse a questa, piuttosto che a quella ch’era la sua prediletta, dar questo non picciolo contrassegno di estimazione. V uolsi anche avvertire che questa lettera stessa è stata pubblicata di nuovo da’ PP. Martene e Durand (Collect. ampli ss. t. 2, p. 1220) come cosa inedita, e come indirizzata non da Federigo all’università di Bologna, ma da Manfredi redi Sicilia a quella di Parigi, poichè così vedeasi intitolata nel codice Colbertino, da cui essi la trassero: Sedentibus in quadrigis physicae disciplinae parisiensis studii doctoribus un ¡versis Manfredus Dei gratia, etc.; e su tal fondamento l’ab. Lebeuf ha asserito (Diss. sur l’Hist. de Paris,