Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo VII, parte 3, Classici italiani, 1824, XII.djvu/650

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


iSo2 libro clic il veder pubblicate da un claustrale e da un vescovo tali novelle che anche in un uomo del secolo sarebbero state degne di biasimo. Ciò non ostante non veggiamo ch essi ne menassero gran rumore; e forse fesser quelle venute a luce col solo titolo Novelle del Bandello, senza che vi si esprimesse la condizione e la dignità dell’autore, fece ch’essi non riflettessero al trionfo di cui quell’opera dava loro occasione. Di lui abbiamo ancora una versione latina della novella di Tito e di Gisippo del Boccaccio, undici canti in ottava rima in lode di Lucrezia Gonzaga, e alcune altre opere che minutamente si annoverano dal sopraccitato conte Mazzucchelli (a). XXXVII. Or venendo a’ poemi che diconsi romanzeschi, grande ne fu a que’ tempi la copia in Italia, c grande la varietà ile’ loro argogomenti. Tra’ romanzi si può annoverare la Vita di Mecenate di Cesare Caporali, poeta già da noi rammentato, in cui altro non v ha di vero cbe il nome medesimo di Mecenate. Tra’ romanzi amorosi si può rammentare il libro <1 Arnie e dAmore nomato Pia logine... composto per (a) Presso l’eruditissimo sig. abate Giuseppe Ciaccheri professore e bibliotecario dell’ università di Siena conservansi in un voluminoso codice ms. molte Novelle con altre descrizioni e con diverse poesie di Pietro Fortini sane se, che visse circa la metà del secolo xvi, ed egli ha voluto gentilmente mandarmene un saggio. La naturalezza, la grazia e la facilità dello stile reudor.o assai pregevoli queste Novelle. Ma l empietà e le oscenità di cui quasi in ogni parte sono macchiate oscuran di troppo tai pregi.