Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo VII, parte 4, Classici italiani, 1824, XIII.djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


TERZO *977 |c quali opere son tutte inedite, se se ne tragga il libro De Poetis urbanis. Ei fu natio di Sinigaglia, di nobil famiglia, e fratello di Paolo inviato dalla sua patria nel 1516 a complimentare il nuovo duca d Urbino Lorenzo de Medici, come si raccoglie da’ Consigli e dalle Riformazioni di quella città. Dopo aver coltivati felicemente i primi studj elementari, passò all'università di Padova, ed ivi attese agli studj della filosofia e della medicina, ne’ quali ancora ebbe poscia la laurea, di cui si conserva l’originale diploma in Sinigaglia presso gli eredi. In esso è segnato il giorno 26 di luglio, ma non può rilevarsene l’anno. Poichè però vi è nominato il vescovo Pietro Baro zzi, come cancelliere di quella università, ciò dovette accadere tra ’1 i5oo e‘1 i5o6 (V. Mazzucch. Scritt it. t 2, p. 4*8)* Del suo soggiorno e de’ suoi studj in Padova ragiona egli stesso nella prima elegia del libro secondo de" suoi Amori: Te duce, Phoebe, novus vitae primordia vates Exucoluit mollis et tua templa puer. Te suadente etiaiu Palavi imgravit ari L ibera, Et grave Chrysippi dogmata novit opus. lode auimo m'uin lalitantia semina, causas Vidit, et astrigeri devia signa poli. Et didicit Coi duce le praecppta Magi si ri, Atque Machaoniae munus et artis opem. Tornato a Sinigaglia, e innamoratosi della Pirmilla, stette ivi cinque anni amando, e cantando i suoi amori, finchè per desiderio di spezzar le catene, abbandonata la patria, dopo diversi non brevi viaggi, si fis'sò in Roma. Così ci narra