Pagina:Tiraboschi - Storia della letteratura italiana, Tomo VIII, parte 1, Classici italiani, 1824, XIV.djvu/460

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

448 LIBRO ma assai scorrettamente, in latino, e stampate in Francfort. Fra queste opere l Ilaller rammenta e loda singolarmente la Saccharologia, la Hidrolœologia, la Tartarologia, Y Opilogia, YExegesis Citjniiatrica, l’Einetologia, e quella intitolata Essentiarwn Vegetabili uni Anatomc, alcune delle quali erano state tradotte ancora in francese e in inglese, ma ciò non ostante esse sono poco note in Italia (a). Nè debbonsi ommettere le sperienze sui sali fatte dal Redi e da altri Accademici del Cimento , le quali pure giovarono a rischiarar questa scienza, e a trarla da quel barbaro ingombro in cui aveala avvolta l’ignoranza e la superstizion di coloro che della chimica non avean saputo valersi che a’ rovinosi e inutili tentativi dell1 alchimia. XII. Più noti e più comunemente riconosciuti ’ sono i meriti degl Italiani verso f Anatomia. A qual perfezione fosse ella da’ nostri condotta nel secolo precedente, si è da noi a suo luogo mostrato. Nel secolo di cui scriviamo, si continuò in Italia a fare nuove scoperte anatomiche , o confermando sempre più chiaramente ciò che già si era osservato, o correggendo gli errori in cui eran talvolta caduti, come dovea necessariamente avvenire, i primi scrittori, o innoltrandosi maggiormente a scoprir parti nuove da essi non conosciute. Io ommetlendo (a) Del Sala ha parlato il P. Angiolgabriello da Santa Maria (Scritt. vicent. t. 6, p. 44 , ec-) i ,Tm cf?h n,l~ cora non ha saputo indicarci le circostanze della vita da lui condotta, e solo ci da il catalogo delle opere da lui pubblicate.