Pagina:Toaldo - Dell’uso de’ conduttori metallici a preservazione degli edifizi contro de’ fulmini, 1774.djvu/17

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

)( IX. )(

DIFFICOLTÀ

CONTRO

DE’ CONDUTTORI, E RISPOSTE.

PRIMA DIFFICOLTÀ.

LA Teoria Elettrica, fondamento dei Conduttori, con tutta l’aria di probabilità, che porta, non è poi se non un’Ipotesi filosofica, disputando ancora i Francesi, e gl’Inglesi sulla natura del fuoco elettrico, e non mancando Fisici che ad altra cagione attribuiscono tutti questi fenomeni. Allora lì può fondare una pratica sopra una Teoria, quando questa sia chiara e sicura; come dalla Teoria della luce si è potuto dedurre la struttura de’ telescopj, ed altri utili strumenti di Ottica. Ma da principj non chiari non si può dedurre se non che una pratica, o pericolosa, o azzardata. Però giustamente in Medicina è vietato il prescrivere rimedj per qualunque Ipotesi, comunque speciosa.

RISPOSTA.

In tutta la Fisica non v’è forse dottrina tanto illustrata, e provata al giorno d’oggi, quanto la Teoria dell’Elettricità; la quale però non è più un’Ipotesi. Il libro del P. Beccaria contiene un sistema tale di esperienze, e di osservazioni, così legate, ragionate, e dedotte, così proprie a interrogar la natura, e sforzarla a spiegare le sue intenzioni, che dopo l’Ottica del Nevvton non v’è forse opera di Fisica così massiccia, e feconda. Ed appunto, siccome, benchè ignota sia la natura della luce, dalle semplici sue proprietà di procedere in linea retta, di riflettersi ad angoli eguali, di rifrangersi con data legge, si è cavata la pratica di tanti strumenti utilissimi di Ottica; così dal conoscere per via d’indubitate esperienze la proprietà del fuoco Elettrico di sfuggire dai corpi resinosi, e vitrei, e di seguire i corpi metallici ed umidi; scoperta pure senza contraddizione la comune natura del fuoco elettrico, e del fuoco del fulmine1con somma ragione essi dedot-

ta


  1. Che il fuoco del fulmine sia lo stesso, che il fuoco elettrico, sebbene altronde si è abbastanza provato, si può confermare enumerando succintamente le proprietà, gli effetti, i caratteri del tutto comuni all’uno ed all’altro. Questi sono 1. I baleni diretti, o serpeggianti. 2. Tendere dietro ai corpi umidi, ed ai metallici. 3. Specialmente i corpi angolati, ed appuntati. 4. Accendere i corpi infiammabili. 5. Fondere i metalli. 6. Traforare i corpi. 7. Lasciare odore di zolfo. 8. Acciecar gli animali. 9. Uccider gli animali. 10. Levare le dorature alle cornici, e alle pitture. 11. Cambiare i Poli magnetici degli aghi, dare o torre la virtù magnetica ai ferri. 12. Il prodursi in piccolo colla Macchina elettrica dei veri fulmini, con