Pagina:Tommaso da Kempis - Della imitazione di Cristo, Verona, 1815.djvu/247

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capo xlviii. 235

delle disavventure tristezza. se amo la carne, ciocchè s’appartiene alla carne mi figuro frequentemente. se amo lo spirito, io mi diletto a pensar delle cose spirituali. Essendochè di tutto quello ch’io amo, volentier parlo e quello è che ascolto; e di sì fatte cose mi porto le impronte dentro dell’anima. Ma lui beato! chiunque, per attenersi a te, da tutte le create cose prende commiato; che alla propria natura fa guerra, e gli appetiti della carne col fervor dello spirito crocifigge; acciocchè, tornato all’anima il suo sereno, egli ti porga una monda orazione, e sia degno della conversazione degli Angeli; schiuse da dentro, e da fuori tutte le cose terrene.


CAPO XLIX.


Del desiderare l’eterna vita; e quanti beni

sieno promessi a’ combattenti.


1. Figliuolo, come tu ti senta infonder dall’alto il desiderio dell’eterna beatitudine, e sospiri d’uscir fuori