Pagina:Tommaso da Kempis - Della imitazione di Cristo, Verona, 1815.djvu/252

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
240 libro iii.

vestimento di lode per la tristezza, ivi per l’ultimo posto, un seggio reale per sempre. quivi sarà messo a luce il frutto dell’obbedienza, ivi la faticosa penitenza godrà, ivi l’umile soggezione sarà coronata di gloria.

7. Or fa dunque di piegarti umilmente al servizio di tutti; nè ti dar pena, chi abbia detto ciò, e chi comandatolo: ma questo sommamente procura che, o sia egli Prelato, o più giovine, o eguale colui che ti domanda d’alcuna cosa, o t’impone, tu riceva per bene ogni cosa, e con sincero animo t’adoperi di fornirla. Cerchi altri questa, altri quella cosa; si vanti colui in quella, costui in questa; e tu nè di quel, nè di questo; ma sì ti rallegra del disprezzo di te medesimo, e del beneplacito, e dell’onor di me solo. Ciò dei tu bramare; che o per la vita, o per la morte, sia in te sempre glorificato il Signore.