Pagina:Torre - Del concetto morale e civile di Alessandro Manzoni.djvu/14

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 10 —

ti par proprio di ritornare nel bel mezzo delle fantasie emanatistiehe degli orientali: eppure queste cose si scrivono nel nostro secolo ed in Germania, che ha mostrato di recente che valore abbia il pensiero e l'operosità umana.

Vero è che non tutti in Germania sono di questa risma; avvi di psicologi come il Lotze, il Fortlage, l'Herbart, il Beneke e qualche altro, che pur seguitando l'accurata osservazione dei fatti e non valendosi per nulla delle costruzioni a priori dell'Hegel, non fanno, come si suol dire, di ogni erba fascio, e danno qualche valore al potere conoscitivo. La più parte però di siffatti filosofi confondono il meccanismo psichico, cioè il giuoco fatale e necessario delle rappresentazioni, con la coscienza che non solo è attività distintrice, ma compiuta. individualità, perfetto possesso e determinazione di sè, resultato ultimo e supremo a cui si perviene, movendo dalla inerte sfera degl’inorganici per quella dei sogni della sensività animale; onde se non sono a dir proprio