Pagina:Torriani - Serate d'inverno, Madella, 1914.djvu/17

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 13 —


Ogni tanto esclamavamo:

— Oh Dio! Sono appena le otto! Sono appena le otto e mezzo!

E cosí via, di mezz’ora in mezz’ora, finchè veniva un’intimazione superiore del nonno, sempre impensierito del nostro bene, di smettere il ricamo perchè ci affaticava gli occhi.

— Ma non sappiamo cosa fare, si rispondeva noi.

— Leggete.

— Non abbiamo libri.

— Leggete una commedia di Goldoni.

Il nostro caro capo di casa era un uomo positivo. Si occupava, o piuttosto s’era occupato di fisica, di chimica, di scienze esatte. Non amava le vaporosità sentimentali; abborriva i romanzi.

Una volta un suo lontano parente povero, ch’egli colla sua grande bontà manteneva a Torino per gli studi universitari, ebbe l’idea di scrivere un romanzo, e trovò un editore che lo stampò, forse in penitenza de’ suoi peccati.

A titolo di riconoscenza il giovine autore dedicò quell’opera al suo benefattore, e gliene spedí una copia.

È l’unica volta che mi ricordo d’aver visto in collera quell’uomo, che era l’incarnazione della indulgenza, della mitezza. Non lesse una parola;