Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I.djvu/105

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
66 ESCHILO


sopra il sabbioso cumulo
ti sbalzerà dei venti la tempesta!
egizio
I Numi implora, alza lamenti e guai,
e se dei lai son gemiti piú amari.
Ma il legno egizio sfuggir non potrai.
coro
Antistrofe II
Ahi ahi, ahi ahi!
Sozzo, che mai per la tua terra abbài
con inane minaccia?
Il gran Nilo ricusi
esito ai tuoi soprusi,
ne disperda ogni traccia.
egizio
Vieni al battello senza piú ritardo.
Pigra alcuna non sia: di trascinarla
per i capelli io non mi fo riguardo.
coro
Padre, ahi!, per me le sante immagini
non son presidio, ma rovina.
A forza un incubo, negro un incubo
come un ragno via mi trascina.
Ahimè, ahimè, ahimè!