Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I.djvu/113

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
74 ESCHILO

l’offre Pelasgo, e l’altra la città,
senza mercede. E’ pur ventura questa.
Ma tieni a mente i moniti del padre,
e la saggezza al vivere prepara.
coro
Chieder dobbiamo ai Numi Olimpî il resto;
ma quanto all’età mia, padre, fa cuore:
ché, se non hanno i Numi altro deciso,
non muterò le prische orme dell’animo.


Tragedie (Eschilo) II p110.jpg