Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I.djvu/126

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I-23.png

CANTO D’INGRESSO


Entrano in orchestra ventiquattro vegliardi persiani che misurano
il passo sul ritmo lentissimo del loro canto.

coro
I fedeli siam noi dei Signori
persïani partiti per l’Ellade,
i custodi siam noi dei palagi
ricchi d’oro, opulenti. Prescelse
noi, pel senno e per gli anni provetti
a vegliar su la patria il re Serse,
figliuolo di Dario.

E di già per l’assenza del sire,
dell’esercito rutilo d’oro,
troppo in seno tumultua l’anima
presaga di mali.
Poi che tutta partir la sua forza
vide l’Asia, e i suoi giovani invoca;