Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I.djvu/16

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

prefazione xvii

Io ho aggiunto spesso la rima. Non esiste, come tutti sanno, nel testo greco. Peró, quando le strofe erano musicate, il fine dei versi e dei periodi era certo distinto dalle cadenze, che sono appunto le rime del discorso melico. La nostra rima non è forse inutile a restituire quella ulteriore armonia perduta con la perdita della musica.

***

E qui bisogna risolvere un altro equivoco. Sin dall’antichità, la poesia di Eschilo fu caratterizzata come dura, aspra, rupestre. Aristofane l’adombrava con questi versi (Rane):

          Scotendo della giubba natía le folte chiome,
          rotando orrido il ciglio, dal labbro digrignante
          l’uno avventa compagini ferree di motti, come
          tavole una tempesta con soffio da gigante.

E tale è difatti Eschilo. Ma per l’arditezza e la stranezza delle immagini, per i voli e gli scorci dei concetti, per la libertà fiera nel coniare i vocaboli. Ma questa durezza o asprezza o come vogliate chiamarla, non si estende e non àltera l’armonia del verso. Il suo trimetro giambico, il verso quasi costante delle parti drammatiche, è fra i piú pieni rotondi armoniosi che noveri la poesia greca: piú dei trimetri di Sofocle, piú di quelli di Euripide, che si sbilanciano, gli uni e gli altri, per la copia di battute irrazionali, utili, d’altronde, alla spigliatezza del dialogo, e via via progredienti con l’accentuarsi del carattere drammatico. E persino i cori, che molti vagheggiano come profondi abissi di armonie trascendenti ed ermetiche,