Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I.djvu/306

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

PROMETEO LEGATO 267

Titano. A lui su gli òmeri
tutta la terra preme
ed il sidereo polo:
egli, sotto quel peso orrido, geme.

Antistrofe III
E del pelago l'onde
gridano insiem con lui:
gemiti manda il bàratro.
ed i recessi bui
dell’Ade sotterraneo
rombano: le sorgenti,
le linfe pure e monde
dei fiumi, piangon miseri lamenti.

Compiute le evoluzioni, le Oceanine si volgono verso Promèteo.