Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I.djvu/307

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
268 ESCHILO
Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I-92.png

SECONDO EPISODIO


prometeo
Non per disdegno o per superbia io taccio,
non lo crediate; ma l’obbrobrio inflittomi
veggo, e di conscia doglia il cuor mi struggo.
Pure, i lor pregi a questi nuovi Numi,
chi compartiva, se non io? Niun altri!
Ma di questo non parlo: a voi direi
cose ben note. Ma i cordogli udite
che patiano i mortali, e come io seppi
da stolti ch’eran pria, saggi e signori
della lor mente renderli. E dirò
non per muovere agli uomini alcun biasimo;
ma la benignità mostrare io voglio
dei doni miei. Ché prima, essi, vedendo
non vedevano, udendo non udivano;
e simili alle vane ombre dei sogni,
quanto era lunga la lor vita, a caso
confondevano tutto. E non sapevano
né case solatie, né laterizi,