Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I.djvu/330

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

PROMETEO LEGATO 291

dov’è l’Etíope fiume. Or tu trascínati
lungo le rive, sin che tu sia giunta
ad una frana, dove il Nilo gitta
giú dai monti Biblini, l’onda sacra
soave a bere. Ed esso t’addurrà
al tricuspide suol niliaco11, dove
è per te fato e per i figli tuoi,
la remota colonia, Io, stabilire.
Se men facile o balba per te suona
di ciò ch’io dissi alcuna parte, addoppia
pur la dimanda, e chiaro apprendi il tutto:
tempo n’ho molto piú ch’io non desideri.
corifea
Se rimane alcun punto, o l’obliasti,
che dei penosi errori a costei dica,
parla. Se tutto hai detto, a noi concedi
la grazia che chiediam: tu la rammenti.
prometeo
Tutto ella udito ha del viaggio il fine.
Ma perché veda che non fu l’udirmi
inutil briga, io le dirò che pene
sofferse pria che qui giungesse. E questo
sarà suggello ai detti miei. Ma lascio
degli error tuoi la somma, e giungo al termine.
Poi che giungesti dei Molossi ai piani
e al dorso eccelso di Dodona, dove
son del tesprozio Giove e seggio e oracolo.