Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I.djvu/53

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
14 ESCHILO

nostro padre: esso, il tutto librando,
questo farmaco ai mali rinvenne:
che sui flutti del mar c’involassimo,
che alla terra approdassimo d’Argo,
d’onde vien nostra stirpe, che vanta
la giovenca sospinta dall’estro
alla brama ed al tocco di Giove.
     A qual terra potremmo approdare
piú di questa benigna, e protenderle
rami e bende con supplici palme ?
Questa terra, ed i suoi cittadini,
e le candide linfe, ed i Superi,
e gl’Inferni implacabili Numi
guardïani dei tumuli, e Giove
salvatore per terzo, che i tetti
custodisce degli uomini pii,
diano asilo a la schiera fuggiasca
delle femmine; e spiri dall’animo
degli Argivi favore; e lo sciame
dei figliuoli d’Egitto protervo,
pria che posino il pie’ su le arene
della spiaggia, e il lor legno veloce
respingete nel pelago; e qui,
tra cozzare d’avverse procelle,
tra le folgori, i tuoni, le raffiche,
e la piova, sul mare selvaggio
spersi vadano, avanti che ascendano
i giacigli da cui li respinge
la Giustizia, e al legame paterno
faccian forza e a la mia volontà.