Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I.djvu/58

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE SUPPLICI 19

Ahimè! ahimè!
Acconcio, mentre pur viva sono,
io per me l’ululo di morte intono.
     E invoco il suolo Apio
— o terra, t’è cognita
la barbara mia querimonia —
e avvento le mani, a distruggerla,
sovressa la veste sidonia.

Antistrofe VI
Quando è lontana l’ora di morte,
quando sorride prospera sorte,
d’ostie profumi — volano ai Numi.
Ahimè! ahimè!
Il mio travaglio qual fine avrà?
Dove il maroso ci spingerà?
     E invoco il suolo Apio
— o terra, t’è cognita
la barbara mia querimonia —
e avvento le mani, a distruggerla,
sovressa la veste sidonia.

Strofe VII
La dimora di tronchi alberi, ch’à compagini di funi,
ci condusse remigando, tra procelle e flutti, immuni,
col soffiar di venti prosperi.
Non mi lagno. Deh!, sicuro
cosí Giove affretti l’esito
d’ogni evento nel futuro.