Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I.djvu/90

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE SUPPLICI 51


d’ogni offesa al riparo, e non vi possa
rapire alcuno, o della terra, o estraneo.
E se ricorra a vïolenza, chi
di questo suol partecipe, soccorso
non vi darà, vada fuggiasco in bando
privo d’onore. E dei Pelasgi il re
a ciò l’indusse. Egli predisse il fiero
sdegno di Giove protettor dei supplici,
che la città gravarne non volessero
per i giorni venturi. Aggiunse pure
come il contagio duplice, domestico
e forestiero, apparso in Argo, pascolo
esser potrebbe a doglia immedicabile.
Udito ciò, le mani il popol d’Argo,
senza invito d’araldo, alte levò,
e consentí. Gli accorti detti uditi
hanno i Pelasgi. Or Giove alfin provveda.
coro
Su via, dunque, in compenso ai favori,
fauste preci per Argo s’innalzino;
e sul labbro alle estranëe, Giove
che protegge gli estranî, tuteli
questi voti, ch’essi abbiano vero
compimento, e di biasimo immune.

Tragedie di Eschilo (Romagnoli) I-20.png