Pagina:Tragedie di Eschilo (Romagnoli) II.djvu/197

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
194 ESCHILO


udite il bando che agli amici lancio,
sin che mi regge il senno. Io, lo confesso,
1110mia madre uccisi, odio dei Numi, obbrobrio
omicida del padre — e fu giustizia.
E chi mi spinse a tale audacia fu,
io me n’esalto, il pitico profeta,
l’ambiguo Febo. Vaticinio ei diede
1115che s’io compiessi il matricidio, immune
d’ogni colpa sarei; se m’astenessi —
la pena non dirò: tanto lontano
di niun cordoglio non saetta l’arco.
Ed or vedete: in questa foggia io movo,
1120con questo serto e questo ramo supplice,
all’umbilico della terra, al piano
d’Apollo e al tempio, e al vampo inestinguibile
del fuoco ascoso: espierò cosí
la consanguinea strage. Ad altro altare
1125ch‘io mi volgessi, Apollo mi vietò.
E un dí, tutti gli Argivi fede facciano
che a questo scempio mi sospinse il Fato:
ch’ora fuggiasco dalla patria, ed esule,
o vivo o morto questa fama io lascio.

CORIFEA


1130Giusta opra fu: di male voci al labbro
giogo non porre, di sinistri augurî.
Felicemente ai due serpenti il capo
hai reciso, Argo tutta hai resa libera.