Pagina:Trattati del Cinquecento sulla donna, 1913 – BEIC 1949816.djvu/260

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
254 iii - il libro della bella donna


tutte le genti talmente hanno in uso ed in costume di celare le parti vergognose, che alcuni barbari le vengono a coprire insino nei bagni, o con brache o con che sia. Appresso i romani i giovani, che in Campo marzo ignudi si essercitavano, queste parti secrete coprivano. Ma, se di questa cosa la ragione antedetta è buona, e vi pare non indegna di essere accettata per buona, come non si potrá dire che o queste cotali parti sieno piú sozze nelle donne che negli uomini, o che nel sesso loro vi si richiegga piú onestá e vergogna che nel nostro, quando la medesima natura ha fatto sí che, per caso e mala sorte, annegato un uomo ed insieme una donna, quegli giace resupino in mare e questa rivolta col ventre in giuso? Ma lasciamo di dire piú in tal materia, e torniamo onde pur ora ci partimmo. — Io aspettava, — disse qui, al signor Giacomo rivolto, il signor Pietro — che voi ne faceste menzione di quel proverbio, che si usa contro coloro, i quali a tanta isfacciatagine sono venuti, che non fanno pure niente differenza fra l’onestá e la disonestá. Il proverbio è che questi cotali non sanno quanta sia la differenza fra il capo e la natura, cosí de l’uomo come della donna. — Ed io — disse poi l’eccellente dottore — aspettava ch’egli ci recasse in mezo quello che de’ nostri primi parenti avenne; i quali, avendo disubbedito l’Altissimo, subito s’accorsero di essere ignudi e mostrar le vergogne, le quali poi con foglie vennero a coprire cosí al meglio che poterono. — Noi veramente — soggiunsero gli altri due — aspettavamo che Sua Signoria, per essempio, ci adducesse Omero, il quale nell’Odissea induce Ulisse, appena campato dall’ira del furibondo mare, riducersi sotto un albero ignudo, nel paese di Alcinoo (oggi nomato Corfú) e quivi, nascondendo le secrete parti, essere vagheggiato dalla figliuola del prenze, chiamata Nausicaa. Oh! — rispose il signor Giacomo — poteva a me ed a voi insieme bastare quanto io n’avea detto, e ch’egli era pure cosí. Ora, mostrata anco di ciò la ragione, veniamo finalmente a vedere l’antedetto luogo, ed a considerare un poco quale egli dee essere in questa bellissima donna. Sará adunque picciolo e poco fesso, ma sí lascivo, giocondo ed amoroso, che oltre misura venga a