Pagina:Trattato de' governi.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



LIBRO PRIMO




CAPITOLO I.


della città, della casa e del borgo.


Perchè e’ si vede, che ogni città è una certa compagnia; e perchè ogni compagnia è costituita per fine di conseguir qualche bene, chè in vero ogni cosa, che s’opera, è operata per cagione di quello che par bene, è però manifesto, che ogni compagnia ha in considerazione, e in fine qualche bene: e che quella, che infra tutte l’altre è la principalissima, e che tutte l’altre contiene, ha per fine il bene, che è principalissimo; e tale non è altra, che la città, e la compagnia civile.

Errano ben qui tutti quei, che si stimano, che l’impero civile, il regio, e quel della casa, e il signorile sieno infra loro una cosa istessa; con pensare, che tali non abbino altra differenza l’uno dall’altro, che quella che fa loro il poco, e l’assai, ma