Pagina:Trattato de' governi.djvu/33

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
14 trattato dei governi

è prima, che non sono le sue parti, conciossiachè, tolto via tutto il corpo, non vi resti nè piè, nè mano, se non equivocamente, come se uno, verbigrazia, dicesse di pietra, perchè una siffatta mano è priva del suo offizio: e tutte le cose son definite per il loro offizio, e per la potenza. Onde non potendo esser atte cotali cose ad eseguire il loro ministero, non si debbono più chiamare per il medesimo nome, se non equivocamente. Èssi adunque manifestato, che la città è per natura imprima, che non sono i particolari; imperocchè se nessun uomo dispersè è sufficiente, e’ verrà a stare non altrimenti, che si stieno le altre parti col tutto. Ma se e’ si trova di quei, che con gli altri uomini non possono partecipare, o che per la sufficienza, ch’egli hanno, non abbino di nulla bisogno; questi tali non si debbon chiamare parte della città. Onde conseguita, che tali sieno o bestie, o dii.

È per tanto in ciascuno, come si vede, un impeto naturale a questa civil compagnia: della quale il primo, che ne fu autore, fu autore di grandissimi beni, imperocchè così come l’uomo, che è nella sua perfezione, è il migliore di tutti gli altri animali, parimenti l’uomo, che è dalle leggi, e dalla giustizia separato, è di tutti gli altri il peggiore: essendo invero insopportabilissima quella ingiustizia, che ha l’arme in mano. Ma l’uomo ha l’arme per mezzo della prudenza, e delle virtù, che con lui insieme nascono; le quali può egli usare nondimanco a contrario fine: onde crudelissimo e impissimo diventa egli, quando ei non ha la virtù, e inclinatissimo alla libidine e a tutta l’intemperanza. Ma la giustizia è cosa civile, perchè il giudizio è un ordine della civil compagnia, nè è già altro, che un’azione d’essogiusto.