Pagina:Trattato de' governi.djvu/34

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

libro primo — cap. i 15

CAPITOLO III.

del governo famigliare.


Ma essendosi manifestato di che parti è la città composta, fa di mestiere però dire in prima del governo di casa; stando vero, che ogni città sia di case composta, e parte del governo di casa essendo di nuovo quelle cose, onde è la casa composta: nè altro essendo la composizion della casa perfetta, che la gente libera, e la gente serva. Ma perchè la natura di ciascuna cosa si debbe innanzi tratto considerare nelle minime sue particelle; e prime, e minime particelle della casa essendo il padrone, e il servo, il marito, e la moglie, il padre, e i figliuoli: però di queste tre cose innanzi ad ogni altra si debbe far considerazione, cioè, che cosa, e di qual natura debbe esser ciascuna d’esse. — Io vo’ dire, che cosa, e quale debbe esser il governo signorile, o, vogliam dire, del padrone inverso i servi; e quello del marito inverso la moglie (e sia così circonscritto tal governo, per non aver proprio nome), e quel del padre inverso i figliuoli, che si può dire paterno: onde sieno tre cose queste, di che s’abbia a considerare. Ma e’ ci resta ancora una certa altra parte, che da molti è tenuta considerazione appartenente alla casa, e da certi è tenuta una principal parte d’essa, della quale considerisi qualmente ella debbe stare, io dico dell’arte pecuniativa, o, vogliam dire, che è intorno all’acquisto de’ denari. Ma diciamo innanzi del padrone, e del servo, acciocchè noi veggiamo intorno a questi bisogni necessarî alla casa, s’egli è possibile ritrovar cosa alcuna meglio di quelle, che dagli altri fino a qui sono state trovate. — Certi affer-