Pagina:Trattato de' governi.djvu/75

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
56 trattato dei governi

di questo, togliendo ei via la felicità dai custodi, afferma che al legislatore s’appartiene di fare la città tutta beata. Ma egli è impossibile che questo sia, se e’ non v’è la più parte dei cittadini, o tutti, o certi almeno che ne sieno partecipi. Imperocchè l’essere felice non conviene nel modo che l’esser pari; perchè il numero pari può essere nel tutto e non in nessuna parte; ma non già l’essere felice. Or se i custodi non vi fieno felici, chi altri mai di loro fia che vi possegga la felicità? perchè e’ non saranno già gli artefici, o gli uomini sordidi in questo numero. Il governo adunque della Republica, della quale ha trattato Socrate, contiene in sè questi dubbi e altri ancora di questi maggiori. =


CAPITOLO IV.


della seconda repubblica di socrate.


E quasi simili a questi ordini son quegli, che nelle Leggi sue furono scritti dappoi; onde fia meglio di questi ancor far considerazione: chè nel primo governo, a dir il vero, Socrate determinò molto poche cose; cioè solamente intorno alla comunion delle donne, e dei figliuoli, e, delle facoltà, e dell’ordine del reggimento: qualmente tai cose dovessino stare. Ma tutto il popolo quivi è diviso in due membri; in quello cioè dei contadini e in quello dei difensori. E il terzo membro, che d’amendue questi è composto, è quello, che consiglia, e che è padrone della città. Ma degli artefici e dei contadini se e’ dovessin partecipar d’alcun magistrato, o essere privati di tutti; o se egli avessino avuto arme, e dovessino ire ancor essi alla guerra di ciò niente deter-