Pagina:Trattato di archeologia (Gentile).djvu/165

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Origine e carattere dell'arte etrusca. 117

oscuro. Egli intanto afferma un periodo di fusione tra Etruschi e Latini, e rileva una latinizzazione della lingua etrusca; ma pur troppo rimane una parte nella lingua che non si può spiegare, e che induce a dimostrare un nucleo non latino, non occidentale della lingua stessa nel periodo anteriore alla migrazione degli Etruschi in Italia1. “C'è una parte che sarà sempre un enigma„, diceva lo stesso Mommsen l’anno scorso a Milano.

Oltre le acute conclusioni a cui giunge il dottissimo Lattes, la scoperta linguistica più importante finora è quella del 1885 a Lemno, in cui la celebre iscrizione colà rinvenuta dimostrò che la lingua etrusca è affine a quella che parlavano i Pelasgi tirreni di quell’isola, e portò inaspettatamente una conferma alla tradizione d’Anticlide, che i Tirreni d’Italia fossero un ramo dei Pelasgi di Lemno e di Imbro.

  1. Ai lavori già citati dell’illustre Lattes (cfr. pag. 99 e 107), aggiungiamo qui alcuni altri dei principali, che mostrano chiaramente la sua attività e competenza nel campo dell'epigrafia e glottologia etrusca dal 1890 fino ad oggi (cfr. un mio cenno nella Rassegna Nazionale dell'ottobre 1895). - 1890: Iscrizione metrologica di un'anfora (Rend. Ist. Lomb.). - 1891: Epigrafia e note di epigrafia etrusca; La nuova iscrizione sabellica; La grande iscrizione del cippo di Perugia tradotta ed illustrata; Un'iscrizione etrusca alla Trivulziana (Rend. Ist. Lomb.). - 1892: Le iscrizioni paleolatine dei fittili e dei bronzi di provenienza etrusca (Memorie Ist. Lomb.); Primi appunti ermeneutici intorno alla Mummia di Agram (Atti della Regia Accademia di Scienze, Torino). - 1893: Saggi ed appunti intorno all'iscrizione etrusca della Mummia e il nuovo libro del Pauli intorno alle iscrizioni tirrene di Lenno (Rendiconti dell'Istituto Lombardo); L'ultima colonna della iscrizione etrusca della Mummia (Memorie R. Accad. Scienze, Torino); I giudizi dello Stolz e del Thurneysen .... e i nuovissimi fittili di Narce (Riv. di Filologia e d'Istruzione class.). - Inoltre nei volumi IV, V e VII degli Studi italiani di Filologia classica il Lattes pubblicò vari lavori critici sugli otto fascicoli del nuovo Corpus Inscriptionum Etruscarum. - 1896: Recensione dei primi quattro fascicoli come sopra (Riv. di Filologia e d'Istruz. class.); Le iscrizioni latine col matronimico di provenienza etrusca (Atti R. Accad., Napoli); Ueber