Pagina:Trattato di archeologia (Gentile).djvu/266

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
208 Arte romana.

vigliosa costruzione del Pantheon (ved. Atl. cit., tav. XLII-XLIV).

I diversi ordini di colonne e di membrature architettoniche greche furono dai Romani adottati nei templi di stile etrusco o greco, e in altri edifizî; ma quei greci elementi ebbero modificazioni quali il gusto della nazione richiedeva, con senso artistico inferiore a quello dei Greci. Il dorico ed il jonico nella loro semplice eleganza poco furono pregiati, o vennero in qualche parte alterati, prendendosi il dorico probabilmente non dalla Grecia ma dall’Etruria con le modificazioni, che nei frammenti di dorico-etrusco si vedono compite, mettendo sotto la dorica colonna una base, variando con aggiunzioni di fregi e fiorami i capitelli, e producendone forme interamente nuove (ved. Atl. cit. tavola XXXIII n. 1 e 2).

Più assai del dorico o del jonico fu usato con predilezione il corinzio, che, più ricco e pomposo, meglio rispondeva al gusto d’una società ricca e fastosa, quale era la romana nel’età fra la Repubblica e rimpero, ed era anche più adatto come ornamento d’una architettura fondata sulla grandiosità. Ma anche l’ordine corinzio, applicato nel maggior numero d’edifizî romani esistenti, non è più il corinzio genuino dei Greci, bensì con più ricchi viluppi di foglie d’acanto ed anche d’ulivo, frammischiativi altri ornati. Si combinò poi il corinzio con elementi del capitello jonico, cioè con le volute, le quali, nascendo dal ricco fogliame dell’acanto, uscivano, e si ripiegavano sopra questo, producendo quella nuova forma romana che si disse ordine composito (ved. Atl. cit. tav. XXXIV, n. 1 e 2). La colonna poi si combinò coll’arco, cessando d’essere essenzialmente un mezzo di sostegno, una parte organica dell’edifizio; perchè, essendo l’arco