Pagina:Trattato di archeologia (Gentile).djvu/395

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


TERZO PERIODO.


A. — Architettura.


L’impero degli Antonini segna la decadenza delle arti in Roma. A volta si rianima anche dopo l’attività edificatrice nell’Impero romano; ma sempre maggiore è la deviazione dalle forme architettoniche antiche e l’introduzione di elementi nuovi, con prevalenza del pomposo e del ricco in luogo del semplice e del bello. Si moltiplicano le forme e gli elementi accessori degli ornamenti, la chiarezza del pensiero architettonico si offusca; mensole a sostegno di statue, colonne per semplice ornamento posate su cornicioni sporgenti, colonne e pilastri finti, un moltiplicarsi di archi posanti sulle colonne dànno ricchezza e varietà agli edifizî, che rimangono ancora mirabili per solida e sontuosa grandiosità. Testimonianza di tali caratteri dànno le notizie e le ruine dei grandi edifizî posteriori agli Antonini, che in gran numero abbellirono Roma e le città dell’Impero.

1. Il Settizonio. — Settimio Severo a piedi del Palatino fece erigere il Septizonium, del quale rimanevano ancora grandi avanzi nel secolo XVII.