Pagina:Trento con il sacro concilio et altri notabili.djvu/249

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


il Duca di Mantova. L’Imperator Friderico Barbarossa confermando le dette Donationi, aggiunse il Castel Garda. Anche l’Imperator Adolfo regalò la Chiesa di Trento, come pur Giovanni Rè di Boemia, & Henrico Rè di Boemia, Conte del Tirolo; senza dir d’altri Prencipi: E di queste Donattioni, e Regali parla il Pincio, il tutto riferendo Innocenzo di Prato.

[Preggio di S. Vigilio.] Si che l’Imperatori, & i Rè han gareggiato à prova di pia liberalità in arricchir, e decorar il Vescovato di Trento sù i meriti di S. Vigilio. Tanto può appresso anche i maggiori Prencipi del Mondo la santità d’un Huomo di Dio; tanto è vero, che se Sant’Hermagora diede l’essere alla Trentina Chiesa, S. Vigilio le vien’ haver conferto il ben’essere.

[Memorie notabili in Castel di Trento] In Castello di Buon Consiglio nella Loggia superiore vedesi memoria con l’Effigie dell’Imperator Teodosio, e singolarmente di Carlo Magno. Stanno poi per ordine effigiati li Trentini Vescovi con à canto di ciascuno l’Imperator del suo tempo fin’all’anno di CHRISTO il millesimo; continuando nella Sala contigua al medemo modo il rimanente in Pittura più ampla, e più cospicua.

E per quì proseguir la Serie in general de’ Vescovi di Trento, à S. Vigilio, che fù il decimo ottavo, successero:

[Serie continuata de’ Trentini Vescovi.]

19 Rugippo,
20 Quartino,
21 Peregrino,
22 Gratismo,
23 Teodoto II.
24 Agnello,
25 Verecondo,
26 Manasse,
27 Vitale,
28 Stabilisiano,
29 Dominico, ò secondo altri Dombruco.