Pagina:Trento con il sacro concilio et altri notabili.djvu/473

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Trento. 469

[Qualità d’esse Pietre.] meno parmi haver del probabile. Sò ben questo, che per quanto impedimento ponno far’ al Campo, (come in fatti attraversano la Vigna, e ’l Solco) non si moveriano di luogo per ogni gran cosa; e che in passando gli esteri, Persone anche di qualità si movono à volerle vedere. Sono due Pietre come piramidali senza forma di statua: se non che hanno quasi l’altezza d’un huomo trà quello, che sta sotto il suolo, & sopravanza; poco lungi essendovi altro Sasso più picciolo, che dicesi, essere stata la Culla d’un Figliolino.

[Prodigio della moglie di Lot, e suo proposito.] Altri narrano, che tali Donne divenissero Pietra per haver giurato il falso; che se fosse vero, crederci questo per prodigio simil’ à quello della Moglie di Lot, qual, per curiosità di volgersi à dietro, si vidde convertita in Pietra Sale, come si cava dalla Sacra Scrittura, & Gioseffo Historico narra haver egli stesso veduta. Ma se al dì d’hoggi con tutte le Femine, ò spergiure, ò curiose dovessero seguir si fatte Metamorfosi, il Mondo hormai non saria quasi popolato, che di Statue.

[Mattarello, e suo sito Chiesa, e Castello.] A dirimpetto di Romagnano, oltre l’Adice stà Mattarello, sito anch’esso di buoni Vini se non verso l’Adice nel piano, dove han del morbido: verso l'erto, che si dice, Mattarello di sopra, e verso ancora Novalline, siti proprij. A Mattarello, oltre il picciol Villaggio, che fà il gran Passo, stanno alcuni Masi di piacenza, e v’è un forte Castello in quadro con Balovardi, e Torri coperte di Rame, e per entro sono nobili commodità.