Pagina:Trento con il sacro concilio et altri notabili.djvu/510

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
506 Trento.


[Pesce à Riva, come abbondi.] Essendo notabile, che questi Vitelli così da latte come sono, saranno sino 10. Pesi l’uno. Manda anche Val di Ledro Pesci esquisiti; per un Lago, che hà picciolo di gran qualità dove vengono in particolar Luzzi, e Salmerini. In tal modo regna à Riva copia di Viveri generalmente; & se alcuna cosa vi scarseggia, Respective sarà il Pesce; mentre questo per la gola d’andar lontano, stancandosi poi tosto, come fà, vien’ à essere più caro dove nasce, che dove more. Trà i Pesci à Riva si fà goder’ il Carpione, qualità la più stimabile, e del tutto singolar’ al Lago Benaco, dove vengono anche in copia per rarità le Scarabine, le Sardene, & gli Agoni, tre sorti di Pesce delicatissimo, e creduto da molti tutto una spetie.

[Vini di Riva quali.] Quanto à i Vini Rivani, che nascono in quantità, riescono di qualità più gustosi che fumosi; e più amabili, che grandi, li bianchi stimandosi, oltre i neri. Tutti si distinguono in tre Classi, ò Regole, cioè di Campagna, di Brion, e di Mazano. I Vini di Campagna, che abbondano più, con essere leggieri, e passabili; sono i più sani. Quelli di Brion, massime à piè del Monte, hanno più forza, & si godono in Està propriamente. Li Vini di Mazano, come vengono il più in Costiera molto aprica, sono i migliori; e per esser’ affatto maturi, e validi si godono nel Verno; ne hanno altra eccettione, che patir alquanto della Creta, per il più riuscendo anche dolci di suo piede; si come non men’ in alcuni altri siti li Rivani Vini acquistano tal qualità, & la conservano.

Sente Riva, per Luogo trà Monti, placidezza