Pagina:Trento con il sacro concilio et altri notabili.djvu/55

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Trento 51

e attività per Armi, Lettere, Traffico, e Agricoltura, questa prevale certo generalmente; [Genio e attività de' Trentini.] perche, oltre al Territorio, che tutto si fà render à ragion di sito, il Piano di Valle, ò Canale, dove giace la Città, si vede à fondo di coltura fruttifera: e i Colli all’intorno vanno così ben vestiti di Vignali, e Campi, che nulla più. Et essendo, come Luoghi posti à falde in riguardo à i tanti dossi, e Seni, rendono ad usura, rispetto all’occhio. [Coltura de Campi quale.] Li Monti poi, che spalleggiano la Valle, se non tutti di Vigne, e Campi, servono di praterie, e pascoli considerabili; come pur di legnami, che vi abbondano. Gli Armenti perciò hanno campo d’allevarsi in gran numero, come si vede, acciò non manchino laticinij à misura de’ Fieni, che si fanno in quantità: e più in qualità.

[Cosa notabile dell'essere di Trento.] Quindi, se al dir di Pincio, il Sito di Valli, e Monti, dove hora è Trento, fù per avanti Bosco inhospito, e selvaggio, habitato da fieri rustici, Briganti, e Malandrini, che infestavano furiosamente il Passo, ne vivevano che di ratto, insulti, e uccisioni, è cosa mirabile il veder, come sia ridotto un Paese di fertilità, delicia, e sicurezza, dove si vive d’entrata, con ogni legge, e commodo, e dove regna singolarmente la soavità de’ costumi, la civiltà, la religione, lo studio, l’honorevolezza, e il lustro. Tanto fà con il Tempo la Fortuna de’ Luoghi; tanto può l’humana industria, e necessità.

Hor quanto à’ Rustici, ò Coloni Trentini, que-