Pagina:Trento con il sacro concilio et altri notabili.djvu/56

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
52 Trento

sti [Rustici Trentini, e loro Carri.] usano nel condur fieni, legne, ò altro, certi Carri agili, che vanno su, e giù per balze, e monti senza fatica con ogni facilità, snelli essendo, e avezzi non meno gli Animali, che li conducono. Anco in Città si vedono frequenti tali Carri à condur robbe, il Sabbato in particolare, che essendovi mercato, non riposano li Contadini in tutto quel giorno.

[Cocchi, e Carozze in Trento.] Li Cocchi poi, ò Carrozze, che si trovano in Trento varie, tutte vengono tirate à Cavalli, de’ quali si fà studio in copia, e anche scielti, valendosene per il Passeggio non meno, Slitte à suo tempo, e Sedie rolanti, che son’ in uso.

[Tabacco come s’usi in Trento.] Usano quei della Città il Tabacco in polvere, e foglia: ma non in fumo; che di ciò non si dilettano i Trentini. Dallo spaccio, che hà grande tal mercantia anco fuori in varie parti, si fà credere di buona fabrica, e qualità. In fatti il Tabacco, quando non sia adulterato nel suo essere, ò alterato da odori troppo acuti, e calidi, e venga preso à tempo, e dosa, si tien’ un Purga Capo valido, e sovrano, come prodotto da un’Herba, la Regina dell’altre. [Tabacco, e suo essere.] Ma hoggi mai il Tabacco si và prender per habito: non per bisogno; per lusso: non per rimedio. Scrive à pieno di quest’herba con l’uso, abuso, e virtù del Tabacco Neandro Bremano Medico, che fù à Trento co’l Duca di Terra Nova l’anno 1649.

[Duomo di Trento descritto.] Trà le cose notabili della Città di Trento s’annovera in primo luogo il Duomo dedicato al Protettor Vescovo, e Martire S.Vigilio. Egli è un