Pagina:Una sfida al Polo.djvu/208

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
202 capitolo xvi.


— Accendete la canapa!... —

Una luce intensa illuminò l’interno del carrozzone. L’ex-baleniere aveva dato fuoco ad un grosso rotolo di canape incatramato ed inzuppato abbondantemente di benzina.

— Qui!... Qui!... Dik!... Gettate!... —

I due orsi si erano arrestati a tre o quattro metri dal carrozzone e pareva che attendessero i compagni prima di scagliarsi all’assalto.

Era il momento opportuno.

Dik d’un salto fu presso il finestrino che il canadese aveva precipitosamente abbandonato per lasciargli il posto e gettò la canapa fiammeggiante.

Una vampata gigantesca avvolse tosto i due disgraziati orsi il cui pelame era inzuppato di benzina.

Urla spaventevoli lacerarono l’aria, vincendo in potenza perfino i ruggiti della tempesta.

Le due bestie che ardevano come torcie e che si sentivano crepitare la pelle addosso e calcinare le carni sotto i morsi del terribile liquido, girarono per alcuni istanti su loro stessi come se fossero stati colpiti da una improvvisa pazzia, poi si slanciarono a corsa sfrenata attraverso la pianura nevosa lasciandosi dietro due immense striscie di fuoco e di scintille.

— Ah!... Poveri diavoli!... — esclamò lo studente. — Dovevano piuttosto lasciarsi ammazzare docilmente da noi e servirci dei copiosi pranzi.

Chi mangerà ora la loro carne arrostita alla benzina?

— Ci penseranno i lupi, — rispose l’ex-baleniere. — I loro stomachi non soffriranno. —

Aveva preparato un altro rotolo di canapa e l’aveva asperso di benzina.

Il canadese si era riaffacciato al finestrino.

Anche gli altri due orsi, attirati dalle urla dei loro compa-