Pagina:Una sfida al Polo.djvu/258

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
252 capitolo xx.


— Senza fanali?

M’incarico io di condurre egualmente l’automobile e di farlo passare sul corpo di quei maledetti animali.

— Che cosa dite voi, Walter? — chiese il signor di Montcalm.

— Io dico che abbiamo aspettato perfino troppo, e che colle armi che noi possediamo potremo passare.

— E se nella nostra corsa incontrassimo un ostacolo, ed i buoi muschiati si precipitassero su di noi colle corna calate?

— Li fucileremo a brucia-pelo, signor Gastone.

— Voi avete pronta la risposta a tutto.

— Mi preme di giungere al Polo.

— Sareste un altro concorrente, o meglio un rivale? — chiese il canadese, scherzando.

— Gli occhi, per quanto bellissimi, di miss Ellen non hanno bruciato affatto il mio cuore, ve lo assicuro, — rispose lo studente. — Io non amo le donne americane.

— Forse avete ragione, — disse il canadese, mentre la sua fronte s’increspava lievemente. — Dik, aprite la porta e andate a riempire i serbatoi.

I buoi non vi scorgeranno con questa nebbia che diventa sempre più fitta.

— Forse dormono, — rispose l’ex-baleniere, con accento strano.

Tolse la sbarra e uscì, scomparendo in mezzo alla nebbia.

Il canadese e lo studente spensero la stufa e la lampada affinchè la luce non attirasse l’attenzione dei buoi muschiati, ed indossarono le loro pesanti pelliccie.

Avevano prese le loro armi, aggiungendo due grosse rivoltelle, e stavano per raggiungere lo chaffeur quando se lo videro comparire dinanzi.