Pagina:Una sfida al Polo.djvu/259

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la caccia al treno 253


— Siete voi, Dik? — chiese il signor di Montcalm, il quale subito non aveva potuto distinguerlo.

— Sì, signore, — rispose l’ex-baleniere.

— Che cosa c’è di nuovo, dunque?

— Devo darvi una brutta notizia, signore.

— Quale?

— Che il motore non funziona più e che noi siamo in una panne completa.

— Che diavolo mi raccontate?

— Mi pare di essermi spiegato.

— Voi scherzate, mastro Dik!... — gridò lo studente, riaccendendo subito la lampada.

— Non ne ho l’abitudine, — rispose seccamente l’ex-baleniere.

— Per tutti i fulmini di Giove!...

— Dite quello che volete, il fatto è che noi siamo arenati.

— Che cosa si è guastato? — chiese il signor di Montcalm, il quale era diventato pallidissimo.

— Non lo so, signore, ma certo deve essere avvenuto un guasto importante, poichè i miei sforzi per far funzionare il motore sono stati vani.

— Che si sia spezzato od alterato il radiatore?

— Con questo nebbione mi sarebbe impossibile, per ora, trovare il malanno.

— Come va questa faccenda? — chiese lo studente. — Fino a stamane l’automobile funzionava perfettamente.

— Non so che cosa dire, — rispose Dik. — Gli automobili hanno gli organi delicati, checchè si dica.

— Accendiamo i fanali ed andiamo a vedere.

— Ed i buoi muschiati li avete dimenticati? — chiese lo chaffeur, con un leggier tono ironico, che produsse però sugli animi dei due esploratori una sgradita impressione. — Se scor-